Passa ai contenuti principali

Gli occhi della luna

Divinazione capitolo 2

Sono in sala, è una fresca notte di inizio estate. Mi dondolo sulla poltroncina della televisione, mentre una figura femminile si muove con circospezione sul pianerottolo, nell'oscurità squarciata dal faro dell'Enel e dalla sua luce che entra dall'oblò. La vedo dalla porta a vetri della sala. La sua presenza ha allertato i miei sensi: percepisco forte ostilità nei miei confronti.

Mi alzo dalla poltroncina e mi dirigo verso la zona notte. Accendo la luce in bagno e mi siedo sulla vasca. La porta che separa la zona notte dalla sala si apre lentamente. Sento i passi leggeri della ragazza. "Sono qua", le dico. E' esile, indossa una canottiera e pantaloni neri, lo stesso colore dei suoi capelli, di media lunghezza. Nella mano destra impugna un coltello.

E' venuta per me. E' venuta a uccidermi.

"Dammi il coltello", le dico con fermezza, ma senza toni intimidatori.

Osservo i lineamenti dolci del suo viso: gli occhi tristi non sembrano quelli di un'assassina. E' muta e indifesa. Non oppone resistenza quando allungo la mano verso il coltello per portarlo via. Lo prendo dalla parte della lama, la stringo leggermente e un po' di sangue sgorga dal palmo della mia mano sinistra. Faccio cadere il coltello dentro la vasca.

La misteriosa ragazza rimane muta, ferma. I miei sensi avevano percepito forte ostilità, ora sento solo la sua paura, il suo respiro profondo, i battiti del cuore. Avvicino il mio volto al suo, la bacio sulla guancia e le sussurro poche parole all'orecchio.

"Sono già morto una volta, 13 anni fa".

Bruscamente mi giro, la ignoro e mi dirigo verso la finestra. La fresca aria della notte mi solletica. Lei mi segue con fare circospetto, ignorando il coltello.

Guardo la luna, le stelle. Un forte ululato interrompe l'insistente canto delle cicale, in una splendida notte di inizio estate.

Sento finalmente la voce della ragazza: "Ho visto vite finire. Ho visto il sangue. Ho visto il dolore. Ho visto la paura".

Lei si gira e si dirige verso la porta. Con una mossa repentina afferro il coltello e la cingo in un abbraccio mortale. Il suo sangue sgorga dalla gola, mentre fisso quegli occhi così grandi e così tristi.

Commenti

  1. Oo
    Il cattivo dunque era lui o era lei?

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Non lo sai che le ragazze non si toccano neanche con un fiore?xD

    Comunque continuo a dirti che il tuo scritto è molto bello. Sarei curiosa di sapere che è successo 13 anni fa e perché ti stava per far fuori, la ragazza. Te la sei scampata per poco :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille :P Belle domande: vedremo entro quanto avrai risposte :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

Ancora sogni strani

Ho scritto tre post dedicati ai sogni, un argomento che mi ha sempre affascinato. La mia attività onirica è di primo piano, peccato che nella maggior parte dei casi tutto sparisca con la sveglia. Ricordo frammenti, immagini, raramente riesco a ricordarmi per filo e per segno cosa ha partorito la mia mente durante il sogno.

Se volete recuperare i vecchi post, basta cliccare sull'etichetta SOGNI oppure cliccare QUI.

Ho deciso comunque di provare ad appuntarmi i sogni in un file di testo, in modo tale da conservarne memoria e di discuterne qui sul mio blog. Per l'occasione sono due i sogni che vi racconterò.

Uno dei sogni più strani che ho fatto risale a fine marzo: ho sognato che di fronte a casa mia, sulla strada principale (Provinciale) si apriva una colossale voragine. Una buca, gigantesca, tanto da inghiottire un veicolo, mentre uno dietro sprofondava prima della voragine, riuscendo però a fermarsi. Grande concitazione per l'arrivo dei soccorritori. In seguito la buca …