Passa ai contenuti principali

#Tag: Il Natale del passato, del presente e del futuro

Natale si avvicina e per iniziare a respirare la giusta atmosfera, ho pensato di realizzare questo piccolo giochino. Il fantasma dei Natali passati, presenti e futuri ci viene a far visita...Racconterò così il Natale vissuto da bambino, il Natale oggi e quello che sarà il mio Natale futuro.

Al termine del gioco NOMINERO' alcuni amici blogger. Le nomination sono libere: potete anche non farle, ma devono essere al MASSIMO SETTE (25, 2+5 = 7. Ahhaahhaahah). Inoltre, a vostro piacere, potete pubblicare una foto di un vostro Natale. Ultima regola: linkare il blog che vi ha nominato e tornare qui pubblicando nei commenti il vostro link del post.

Inizino le danze!

NATALE PASSATO

Difficile riassumere in poche parole le emozioni dei Natali vissuti da bambino. Si parte con la 'dolce' premessa: la lettera a Babbo Natale, il giocattolo ritagliato dal catalogo e incollato sulla letterina (i giocattoli, perché si lasciavano sempre un paio di alternative). La sera della vigilia il film Disney, in genere "La spada nella roccia", un vero e proprio cult. Ricordo ancor'oggi l'emozione che provavo ad andare a letto, in attesa della mattina; l'impazienza perché non mi addormentavo subito e il tempo non passava; la delusione magari di svegliarsi presto e di doversi riaddormentare perché non era ancora l'ora della sveglia.

Alla mattina, prima di colazione, il rito dell'apertura dei regali sul lettone dei genitori e a seguire la messa. A pranzo in genere erano nostri ospiti la sorella paterna (purtroppo scomparsa recentemente) e la sua famiglia, nonché la sorellastra di mio padre. I parenti pesaresi invece erano nostri ospiti successivamente (oppure eravamo noi ad andare in visita da loro). Dopo il pranzo, altra apertura dei regali (anche se il 'più' era passato, perché mia zia, la sorella di mio padre, faceva un bellissimo regalo a parte che lasciava a mia madre e trovavo sotto l'albero) e visita del cugino di mio babbo (che compie gli anni il 25 dicembre!). A Natale abbuffata di pandoro (odiavo il panettone) e alla sera un po' di latte con i biscotti.

NATALE PRESENTE

Il periodo natalizio del presente è molto meno spensierato del passato, per questioni lavorative. A Natale non si lavora (anche se qualche anno fa l'ho fatto, di mattina, per la folla scelta - non dipendente da noi tapini di Rimini - di lasciare i notiziari locali anche il 25 dicembre!), ma non ci sono ferie e quindi, digerito il panettone, si torna proiettati sul lavoro. Ad ogni modo va bene così: il Natale è la festa dei bambini, per cui sono loro i veri protagonisti, sono loro che hanno il diritto di essere più felici. Da piccolo, infatti, la mia più grande tristezza era sapere che c'erano bambini poveri senza regali: ricordo una vecchia storia di Topolino, 'Paperino e il premio di bontà', che lessi per la prima volta su Paperino Mese 174, del dicembre 1994, a firma Carlo Chendi e disegnata da Romano Scarpa, in cui c'era un bambino, orfano di padre, che viveva in una baracca e a cui la madre diceva: "Non so se Babbo Natale verrà perché Babbo Natale ha da pensare a tanti bambini poveri"...e il piccolo che le abbracciava: "Hai ragione, ci sono bambini che non hanno la mamma!". Poi fortunatamente i Bassotti, vestiti da Babbo Natale per un piano criminoso, donavano loro giocattoli e addirittura denaro!.

Torniamo in tema, del Natale del presente adoro forse più le premesse, in particolar modo lo shopping per l'acquisto dei regali. Ad ogni modo, il Natale del presente mantiene la tradizione dell'apertura dei regali nel 'lettone' (lo scambio tra me e i miei genitori), il pranzo a casa mia, anche se ora in genere vi partecipano mia sorella, mio cognato, i suoceri e ovviamente mio nipote. Il momento più bello, del Natale del presente, è proprio vedere la gioia di mio nipote davanti ai pacchi da scartare e...giocare con lui provando i nuovi giochi. Rispetto al passato, taglio dei dolci: mi fiondo su quelli artigianali, i buonissimi biscotti fatti da mia sorella. Il pandoro non mi attrae più (fortunatamente!). La sera è un altro momento che attendo con piacere: cena a base di latte...e biscotti di mia sorella (secondo giro!), poi film con il nipote (lui, mia sorella e mio cognato rimangono qualche giorno qui da noi).

Dimenticavo la vigilia: il 24 pomeriggio messa in una piccola chiesetta (non riesco a fare le 24...), cena a base di pesce e prima di dormire posizionamento dei pacchi sotto l'albero. La vigilia è anche giorno fondamentale per telefonate e messaggi di auguri (devo portarmi un po' avanti con il lavoro, altrimenti il 25 dicembre rischio di rimanare sempre attaccato al telefonino).

NATALE FUTURO

Che Natale sarà quello futuro? Beh, di sicuro sarò pelato e tutto ingrigito nella barba. Per il resto non posso essere troppo fiducioso sul fatto di trovare una dolce metà per condividere questa festa, né al momento sento tra i desideri quello di diventare padre. Spero (ma ne sono sicuro!) di essere tra una quindicina di anni almeno bis-zio, così tra una ventina di anni potrò, a Dio piacendo se avrò ancora un tetto e uno stipendio, continuare la tradizione e regalare al figlio di mio nipote i Lego del futuro. Perché di questo sono sicuro: nel 2028 i Lego esisteranno ancora!


FOTO: ho postato due foto dei Natali presenti. Quella del presepe (allestito da mio babbo sopra a una vecchia stufa non più funzionante, che si trova nella mia cugina; la grotta è un vero tronco d'albero di quella forma) e quella dell'albero di Natale.

Bene, tempo di nomination: Miki Moz, Fabri, Pier, Benedetta, Fede, Chiara (voglio un tuo post cazzeggiosoooooooooooooo) e Paola (così scrive che ultimamente è un po' avara di pubblicazioni).

Commenti

  1. Intanto ti ringrazio tantissimo del tag, ma non so se riuscirò ad infilarlo da qualche parte ché di post questo mese ne ho fin troppi. E anche perché il mio natale presente è un po' scarso ancora. Vedo che tu hai mantenuto abbastanza le tradizioni. Da me invece sono cambiate devo dire parecchio. Se riesco ne parlo come dice, anche se non è nulla di speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho giocato un po' di anticipo, proprio per permettere agli eventuali nominati di partecipare al giochino :). Comunque il Natale del presente è mooolto tranquillo, niente di speciale :)

      Elimina
  2. Bellissima iniziativa! Sarà molto divertente vederla proliferare in rete, sul resto tanto di cappello, ci hai offerto tre ottimi Natale, i Lego sopravvivranno alla razza umana! Saranno il segno del nostro passaggio su questo pianeta ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cass! Vediamo cosa ne viene fuori, tra tutti :)

      Elimina
  3. Bella idea! Io ho deciso di lasciare il sabato per gli eventuali post in cui sono stato taggato, sabato prossimo deo scrivere già quello su il Blogger Recognition Award, magari quello dopo butto giù qualcosa! E ovviamente Lego Forever! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, non vedo l'ora di leggere dei tuoi Natali..nerd :P

      Elimina
  4. Divertente questo gioco! Tra Natale passato e presente non vedo molte differenze... a parte le sfighe del lavoro... i giochi li rivivi con gli occhi di tuo nipote ed hai anche la fortuna di giocarci insieme e di guardare un tradizionale film natalizio. E' sul Natale futuro che avrei voluto leggere un po' più aspettative, desideri, paure, speranze... proprio come quelle che si hanno da bambini perché, in fondo, invecchiare significa anche un po' tornare piccoli.
    p.s. Unica certezza: i Lego ci saranno nei secoli dei secoli!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! Sì, tra i due Natale ci sono diversi punti di contatto. Natale futuro? Dai sono stato abbastanza ottimista XD. Non volevo inondare di tristezza questo post.

      Elimina
  5. Eccomi qui, bellissima iniziativa che ovviamwente porterò avanti: come sai, volevo già parlare dei miei Natali passati e tu mi dai l'occasione per fare un tris niente male.
    Inutile, da bambini è tutto diverso. Non so cosa manchi agli adulti, ma davvero la magia svanisce... certe volte mi sento come se dovessi "correre" accelerando, come a dire "ok, passa pure questa festa", mentre prima la si aspettava e non se ne voleva la fine.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Miki! Da bambini è una magia incredibile, l'attesa, lo spacchettamento, il giocare con i nuovi balocchi. Da grande, come ti dicevo, prima del Natale ho la fase dell'euforia prenatalizia (per l'acquisto dei regali), segue quella della depressione pretnatalizia. Ma tutto sommato il sapore buono del Natale rimane. Vedremo in futuro!

      Elimina
  6. Tra poco arriverà il primo natale dell'ex videogiocatore junior, e non vedo l'ora di vedere il tutto da una prospettiva diversa. Non tanto per fare come certi blogger nostalgisti che usano i figli come mezzo per ricreare la loro infanzia perduta, ma perché vedere i propri bimbi felici è semplicemente tanto bello.

    (oh a proposito, ti ho fatto una sorpresa di natale anticipata sul mio blog)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la graditissima sorpresa :) Il mio blakeeeeeeeeeeee (pensa che in questi giorni, nel dopo cena, mi sto dedicando costantemente a un'oretta di Duke Nukem. Gioco fantastico).

      Comunque caro Ex c'è una categoria peggiore dei blogger nostalgisti :D. Quella dei tifosi milanisti isterici e depressi, per non volersi rendere conto che i tempi dei campioni e delle Champions sono finiti da un bel tempo e che torneranno forse tra una ventina d'anni...

      Elimina
    2. E non è forse anche questo un nostalgismo dovuto al falso parallelismo "Milan vince = sono gli anni 80 = sono bimbo, sono felice e non ho pensieri " ?

      Elimina
    3. Vero, per alcuni miei amici\conoscenti potrebbe starci benissimo il parallelismo. Anche se integro il tuo parallelismo "Milan vince = sono gli anni '80 = Il calcio degli anni '80 era il più bello di tutto = sono bimbo, sono felice e non ho pensieri". Che ne dici? :D

      ps ho letto il tuo post bomba...GIU-GIUGGER! ICCIULER! BEREEEEEEEE!

      Elimina
  7. Bella sta cosa, potrebbe essere il mio ultimo post prima di Natale, anche se qualcuno non mi nomina ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sisi, anche senza nomination dovrai farlo!

      Elimina
  8. Ma chi sei, Orson Dickinson (come direbbe un ignorante che vuole fare il colto e fa citazioni con gaffe).
    A questo partecipo anche se non mi nominano! Magari la notte tra il 24 e il 25, come da tradizione dickensiana!
    Perdonami ma non ho letto i tuoi Natali perché vado di fretta ma prometto di ripassare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TI farò roteare il pugno :D ti avevo messo nei 7 nominati poi ti ho tolto vedendo la tua programmazione natalizia XD e il fatto che non gradissi troppo le catene XD. Comunque è d'uopo anche il tuo post sul tema!

      Elimina
    2. Ahahah 😁
      Questa catena l'hai fatta tu ed è natalizia, non posso esentarmi!

      Ho letto i Natali.
      Bello movimentato quello del passato.
      Natale del presente: ma chi se li incula questi piccoli stronzetti! Il Natale è NOSTRO, di noi vecchi bambini!
      Quello del futuro mi hai fatto ridere 😄

      Elimina
    3. ahahah, no no, il Natale è dei bambini :D Non essere crudele XD. Il natale del futuro ha molte alternative, anche quello in cui sono nell'ospizio per vecchi menato da un nerboruto infermiere :D

      Elimina
    4. Ahahah hai ottime aspettative. Io sono certo che non potrò permettermi uno ospizio!
      Come sai, ho un nipote anche io ma so già che anche con tutto il mio impegno, diventerà un deficiente dell'attuale generazione!
      Il Natale è MIO, chiamami Mr. Grinch! 😆

      Elimina
    5. Dai quegli ospizi economici dove il personale ha avuto trascorsi nel wrestling muahah

      Elimina
    6. Si capisce che è il momento di intervenire sulle nuove generazioni quando si ostinano a ripetere che Fedez è il più grande rapper del mondo o quando dicono di ammirare Favij ma non sanno chi è MikiMoz xD

      Comunque Riccardo tranquillo su quelli che ti picchieranno, ci penserò io con le mie doti da stalker giustiziera a beccarli tutti xD

      Elimina
    7. Mi piace quando scrivi che farai la giustiziera per rimediare a torti subiti dal sottoscritto :D

      Elimina
    8. Fedez credo di averlo conosciuto solo di recente ma come personaggio, non conosco nessuna sua canzone, so che è lui perché è l'altra voce quando passano le canzoni di J Ax (pessimo da un po' di anni) ma non saprei mai identificare la sua voce da solo e conosco il suo aspetto solo perché un annetto fa c'era un suo cartellone in città (credevo fosse uno degli scemi del programma di Maria De Filippi).
      Favig l'ho sentito nominare tra i commenti di YouTube e me ne tengo alla larga, ho per caso visto uno suo video anni fa e me ne pento (l'ho associato tempo dopo). Era non so dove e faceva finta di rubare delle armi con la musica di Metal Gear... negli anni 90 se un ragazzino avesse fatto un video del genere sarebbe stato preso a schiaffi da tutti i compagni, bullizzato fino all'esasperazione e costretto a cambiare città.

      Elimina
    9. Fedez? L'ho sentito per la prima volta nel 2012, quando Max Pezzali lo chiamò per un remake di un pezzo storico degli 883, "Jolly Blue", un pezzo che mi piace un casino. Mi ha fatto sorridere con il suo feat. per Bocciofili di Dargen D'Amico (rapper veramente bravo), idem la canzone Alfonso Signorini con il feat. di Elio. Poi ha iniziato a fare pop rap con la Michielin e si è perso totalmente :D. Su Jax io lo ricordo solo per gli Articolo 31. Poi addios :D

      Elimina
  9. Muahahah non sono avara.
    Grazie della nomination xD
    Prometto che lo scriverò presto e che tornerò per il commento vero che questo post si merita xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaaha avaraaaaaaaaaaaaaaa di post

      Elimina
    2. Vorrei anche io scrivere più spesso ma che ti debbbbo dire, ho il blocco dello scrittore xD

      Comunque è molto bella sia l'idea, sia l'immagine che hai lasciato dei tuoi Natali, soprattutto quello passato. Il latte coi biscotti fa tanto nataliziosooo ^^. Mi aspettavo che dicessi lo lasciavi anche a Babbo :D
      Carino anche il pensiero del nipotino.. Io per ovvi motivi lo capisco bene quanto è bello avere un marmocchio che ti guarda come se fossi un eroe e sapessi fare tutto *. * ed a cui insegnare le cose che piacciono a te :)
      Sarà molto bello poter scrivere questo post, grazie :)

      Elimina
    3. ahahaah sblocchiamo il blocco :D. Io adoro la cena della sera del 25 con latte e biscotti :D, mentre leggo uno dei regali natalizi che non manca mai sotto l'albero (ne parlerò in un prossimo post di cui oggi è uscita maldestramente l'anteprima :D).

      Elimina
  10. con questi post natalizi che cominciano a girare, il grinch che è in me sta subendo duri colpi 😁

    questo in particolare mi ha lasciato una dolcissima sensazione di calore e famiglia nel cuore... sarà per la cena natalizia a base di latte caldo e biscotti (altro che Pandoro!) 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh mi hai fatto un grandissimo complimento: suscitare emozioni positive al lettore è una grande gratificazione :)
      Diamine, non sei il primo a sottolineare la cena latte e biscotti :D, vi aggiungo un posto a tavola. Da parte mia con i biscotti non si casca male: un giorno farò il post sui biscotti :D. Poi va beh, quelli artigianali di mia sorella spaccano.

      Elimina
    2. :) mi piacciono un sacco questi pezzetti di vita raccontati bene.
      e mi piacciono pure i biscotti, quindi nel post che farai, se possibile, voglio anche la ricetta di tua sorella... son curioso|goloso :P

      Elimina
    3. grazie :P. I biscotti di mia sorella? Ha un quadernino con le ricette :D. Dovrebbe aprire un blog sulla cucina: sui dolci è spaziale.

      Elimina
  11. http://tralestelle.blogspot.it/2017/12/tra-desideri-labirinti-e-fuochi-tag-il.html

    Ce l'ho fatta!Non te lo aspettavi, eh?eh?eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ritenevo più probabile un Megazord parcheggiato nel mio giardino :D

      Elimina
  12. Salve, non ci conosciamo. Tuttavia ho appena risposto al tuo tag, chiamata in causa da Paola S. Ecco il mio post: http://pensieriscossi.blogspot.it/2017/12/tag-il-natale-del-passato-del-presente.html
    Buone Feste.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

Ancora sogni strani

Ho scritto tre post dedicati ai sogni, un argomento che mi ha sempre affascinato. La mia attività onirica è di primo piano, peccato che nella maggior parte dei casi tutto sparisca con la sveglia. Ricordo frammenti, immagini, raramente riesco a ricordarmi per filo e per segno cosa ha partorito la mia mente durante il sogno.

Se volete recuperare i vecchi post, basta cliccare sull'etichetta SOGNI oppure cliccare QUI.

Ho deciso comunque di provare ad appuntarmi i sogni in un file di testo, in modo tale da conservarne memoria e di discuterne qui sul mio blog. Per l'occasione sono due i sogni che vi racconterò.

Uno dei sogni più strani che ho fatto risale a fine marzo: ho sognato che di fronte a casa mia, sulla strada principale (Provinciale) si apriva una colossale voragine. Una buca, gigantesca, tanto da inghiottire un veicolo, mentre uno dietro sprofondava prima della voragine, riuscendo però a fermarsi. Grande concitazione per l'arrivo dei soccorritori. In seguito la buca …